Amatricenews - torna alla home
Le istituzioni
Il turismo
Gastronomia
La storia La natura Arte e cultura Gli eventi di Amatrice Le news si Amatrice
Fotogallery e Videogallery
Le nostre webcam ed il meteo
Le 69 frazioni di Amatrice Contattaci
 
 
Altre Notizie  
   
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   
1|2|3|4|5
 
   
L'Amatriciana si avvia verso il marchio STG: l'ARSIAL scrive al Comune. Pirozzi:«Pronti a collaborazione»
.
 
 
   
Spaghetti all'Amatriciana
     
martedì 14 aprile 2015 - L'Amatriciana presto potrebbe essere tutelata a livello europeo. Lo rende noto il Comune di Amatrice, che ha pubblicato il resoconto di una lettera che arriva dall'ARSIAL (Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l'Innovazione dell'Agricoltura del Lazio).
"A seguito del caso mediatico esploso sulla salsa all’amatriciana che ha visto il coinvolgimento dello chef Carlo Cracco, della vostra Amministrazione comunale, e l’intervento del Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti -si legge nella missiva inviata dal Presidente del'ARSIAL al Sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi - l’Arsial potrebbe proporsi capofila per il percorso di riconoscimento comunitario STG. Intraprendere questo percorso di riconoscimento avrebbe una doppia valenza tutelare la ricetta storica nei confronti delle grandi marche e della produzione di sughi pronti ma anche valorizzare gli ingredienti tradizionali locali’’.
Dunque la sostanza è che l'ARSIAL si è detta disponibile a fare da capofila per il prestigioso riconoscimento europeo STG (Specialità Tradizionale Garantita), finora conseguito in Italia solo dalla Pizza Napoletana.
Dopo la palla messa in buca per il De.Co. promosso dall'Amministrazione Comunale e la presenza all'Expo 2015 con ben tre prodotti selezionati dalla Regione Lazio, arriva un'altra proposta che l'Amministrazione Comunale, nel solco di già quanto ottenuto, ha sposato fin da subito: "un sentito ringraziamento da parte mia e della comunità amatriciana va all’Arsial e alla Regione Lazio – dichiara il Sindaco Sergio Pirozzi - che ancora una volta hanno dimostrato una grande attenzione al nostro territorio e al patrimonio dei prodotti tradizionali d’eccellenza. Con il loro sostegno si può andare lontano".
L'STG sarà la definitiva consacrazione per stabilire che una volta per tutte l'Amatriciana nasce ad Amatrice e va preparata secondo la tradizionale ricetta?
Noi crediamo che tutto quello già fatto finora lo dimostri già ampiamente. Ma se non basta un francobollo delle Poste Italiane, una sagra, un marchio De.Co. Comunale per far tacere alcuni benpensanti gastronomici allora il marchio STG potrebbe essere la vittoria definitiva e la chiusura di una diatriba volta a tutelare il territorio ed i nostri prodotti.
A quanto pare la missiva dell'ARSIAL è arrivata proprio "grazie" al clamore mediatico...
 
 
a cura di Marzio Mozzetti
 

stampa l'articolo Stampa l'articolo
invia l'articolo Inoltra ad un amico

 


   

Pubblica su

Condividi su Facebook
Condividi su Yahoo
Condividi su Ok Notizie
Condividi su Digg

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player


 
 
 

CDM

   
 
 

[Storia]

[Natura]

[Arte]

[Eventi]

[News]

 
© 2006 / 2019 CDM Servizi S.r.l. - Vietato riutilizzare il materiale pubblicato in opere multimediali o non salvo specifiche autorizzazioni

Cliccare qui per la Privacy Policy